Lettori in diretta | Quotidiano | Categorie: Ambiente

Van Gogh e la Valle dell'Astico

Di Citizen Writers Domenica 8 Ottobre alle 21:29 | 0 commenti

ArticleImage

Nato nel pieno sbocciare della primavera del 1853, Vincent Van Gogh ha portato dentro di sé e dipinto i colori forti e mai incerti di questa stagione; tanto il suo essere uomo era fragile nel quotidiano vivere, tanto era scangiante e sicuro nel suo essere pittore. Mai segni di incertezza nei suoi dipinti, sempre tratti decisi e precisi, preghi di forza e virilità. Colori caldi e azzurri mozzafiato che ci fanno sentire il rumore dell'acqua ed il tenue profumo del grano o l' odore della terra dalla quale vengono estratte le patate.

E siamo tutti qui, pronti, alla linea di partenza per farci soffocare e tramortire dalla semplice bellezza della sua arte. Ed egli, magari anche stupìto, ci guarderà da quel suo cielo stellato chiedendosi il perchè di cotanta gente. Già, perchè tanta gente?
Sono innumerevoli le prenotazioni già effettuate e il primo giorno della mostra è scandita da quella fila di fronte alla Basilica Palladiana che sembra non muoversi mai, tanta è l' affluenza che l'alimenta dalle retrovie.
Ma i numeri non si discutono! E rimangono lì a dirci e a parlarci dell'affluenza ma poco delle ragioni che sospingono migliaia di persone verso Vincent.
Amore per il pittore? Stima verso la sua persona? Fascino per la sua arte? Stupore verso il suo personalissimo stile? Evento mediatico? Voglia di dire "Io c'ero"? Molti sono i quesiti che mi sollevano tutte quelle persone, sicuramente ben intenzionate, che affollano la mostra: quesiti rispettabili se pur non tutti condivisibili.
Rimango dubbiosa però nel mio sadico tentativo di voler comprendere e capire se, tutte quelle persone in religiosa fila, comprendono e vedono la natura di Van Gogh: quei campi di grano, i campi di girasoli, i contadini che raccolgono le patate, gli alberi spogli di vita ma ricchi di colori, i ruscelli intatti e variopinti, gli iris e i magici cieli stellati.
So che mi faccio del male nel rispondermi ma non posso esimermi dal farlo e l'unica risposta è NO!
No, quelle persone non comprendono e non vedono la forza e la bellezza della natura disegnate dall'artista perchè altrimenti non potrebbero non vedere la bella e umiliata natura che circonda il territorio vicentino. Non possono comprendere la forza dell' odore della terra dipinta da Vincent, se lasciano venga costruita la Superstrada Pedemontana Veneta; non possono vedere la bellezza dei ruscelli e dei colori (veri!) dei boschi della Valle dell'Astico (nella foto un tratto di torrente della Valle dell' Astico) se permettono, con la loro indifferenza, di far costruire la Valdastico Nord!
E allora perchè tanta premura nel vedere una bella, straordinaria ma pur sempre dipinta natura, se non si riesce a difendere quella vera che abbiamo attorno a noi?
E non ho risposte!
Van Gogh è morto in solitudine: sconosciuto ai più.
Succederà così anche per la Valle dell' Astico, morirà in solitudine: sconosciuta ai più; speriamo almeno, che nei pochi anni che le rimangono, nasca un altro "Vincent" che la possa immortalare nelle sue tele e possa così tramandare la sua bellezza e unicità ai posteri.

Irma Lovato Serena


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Venerdi 8 Dicembre alle 06:57 da kairos
In Porta Santa Croce: un edificio copre l'unico reperto medievale di Vicenza e il torrione è ancora inagibile. E le altre opere incompiute?

Giovedi 30 Novembre alle 17:58 da kairos
In O Cesare o nulla: dopo le primarie a Vicenza un triumvirato alla "Cesare, Pompeo e Crasso"?

Martedi 14 Novembre alle 23:55 da Kaiser
In Ius soli o Ius culturae, Grasso: importante concludere iter entro questo scorcio legislatura
Gli altri siti del nostro network