Quotidiano | Categorie: Fatti

Arzignano, incontri con i genitori presso l'auditorium E. Motterle

Di Comunicati Stampa Giovedi 11 Gennaio alle 15:04 | 0 commenti

ArticleImage

Ritorna il Dott. Pietro Lombardo per parlarci di famiglia, di una comunità che possa raggiungere obiettivi e realizzare buoni risultati. I temi trattati quest'anno sono veramente importanti e interessanti. Il Sindaco Giorgio Gentilin e l'Assessore all'Istruzione Laura Ziggiotto: " per l'Amministrazione Comunale è un dovere contribuire a questi incontri, nella speranza che i genitori possano trovare risposte adeguate ai loro tantissimi "perchè?". Tutti gli incontri, gratuiti e promossi dal Comitato genitori dell'I.C. Parise con il sostegno della scuola e del comune, si terranno all'Auditorium E. Motterle in via Quattro Martiri n. 71 ad Arzignano.

Giovedì 18 Gennaio ORE 20.30

1- Le paure dei bambini - Cosa significano, come gestirle
La paura è un'emozione importante, che serve a mettere un bambino in allerta contro i pericoli dell'esistenza ed a prevenire situazioni dannose e rischiose. Ma la paura può, se non accolta e gestita in modo empatico da parte dei genitori, trasformarsi un pesante laccio che imprigiona le possibilità di sviluppo e di crescita del bambino. Una conferenza tra le più importanti per una sana crescita dei bambini e illuminanti?di saggi consigli l'impegnativo compito educativo del genitore.
Giovedì 1 Febbraio ORE 20.30
2- Qual è il posto della donna e della madre nell'educazione dei figli?
Nella società contemporanea il ruolo della donna ha subito dei cambiamenti. Come può una donna affrontare la separazione o il fatto di trovarsi da sola nell'educazione dei figli?
Quali sono le peculiarità del ruolo femminile? Come può una donna rafforzarsi nell'autostima e divenire più resiliente per affrontare le sfide della società odierna?
In questo incontro verranno proposte delle riflessioni e forniti dei suggerimenti utili per vivere con maggiore equilibrio, serenità ed armonia il proprio ruolo.
Lunedì 12 Febbraio ORE 20.30
3- Ma qual è oggi il "posto del padre"?
Padre e madre sono i due archetipi fondamentali che strutturano la formazione psicologica dei figli. La letteratura psicologica e psicoanalitica hanno per molti anni messo a fuoco la figura della madre come principale agente dello sviluppo psichico dei figli.?Ultimamente si sta scoprendo quanto sia importante la figura del padre soprattutto in fase adolescenziale. Conoscere la valenza educativa della figura paterna permette di creare una relazione educativa con funzioni pedagogiche maggiormente efficaci?e funzionali per le esigenze di crescita dei gli.
Martedì 27 Febbraio ORE 20.30
4- Carpe diem - Cogli l'attimo per rendere straordinaria la tua vita
Qual è lo scopo della vita? Che cosa significa cogliere l'attimo? Come si può dare del proprio meglio e sentirsi più sicuri di sè? "Carpe diem", che significa "Cogli l'attimo" è intesa come uno stimolo a cogliere, nel proprio presente, le opportunità di crescita e di autorealizzazione. Spesso nella nostra società falsi idoli e false promesse di felicità ingannano gli adolescenti ed i giovani alla ricerca della loro identità e realizzazione delle loro potenzialità ed aspirazioni. Una delle conferenze più entusiasmanti e colme di preziosi consigli da offrire al mondo adolescenziale e giovanile, come momento di riflessione e di stimolo ad orientarsi verso un "carpe diem" colmo di opportunità e di nuovi orizzonti conoscitivi.

Leggi tutti gli articoli su: Pietro Lombardo, Giorgio Gentilin, Laura Ziggiotto

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

oggi alle 18:39 da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza

Sabato 13 Gennaio alle 18:56 da kairos
In Lettura di Parolin e Formisano su Vittorio Emanuele II, Indipendenza Veneta Vicenza Città: irrispettoso ricordare a Vicenza "il re infingardo che sottomise Terre Venete"
A CAMMILLO CAVOUR


nel 1867.

___


O nell’ora del nembo e del periglio
Sempre invocato, che più grande appari
Quanto più gonfi il trepido naviglio
4Battono i mari;

Chiuse son l’Alpi allo stranier: clemente
Rise una volta a’ popoli fortuna:
Tutte al suo desco le città redente
8Italia aduna.

Più non cercar. Delle battaglie il nome
Oh non chiedere a’ tuoi: sovra qual onda,
Sovra qual campo; e se le nostre chiome
12Lauro circonda.

A’ vincenti terribile il vessillo
Parve d’Italia: i giovani guerrieri
Volâr sull’ erta, ma con noi, Cammillo,
16Tu più non eri.

[p. 180 modifica]

Invan crebber le file: invan da’ porti
Più possente navil sciolse il nocchiero;
Non valser tante prue, tante coorti
20Il tuo pensiero.

In picciol nido l’aure interrogando,
Con poco stame a lunga tela assiso,
E l’ovra della mente ardua velando
24Di facil riso,

Gli occhi alzasti; e di fanti e di cavalli
Alla muta parola obbedïenti
Dal Cenisio sull’itale convalli
28Sceser torrenti.

E pria sul lido del remoto Eusino
Fra le pugne agitata e fra le nevi
La morta face del valor latino
32Raccesa avevi.

A’ cupi genî del Tirren custodi
Serti offrivi non visto, e taciturna
La partenza pregavi e fida ai prodi
36L’aura notturna,

Quando dell’Etna alla fremente riva
I Mille veleggiavano; portavi,
Celando sotto il mar la man furtiva,
40Le balde navi.
[p. 181 modifica]


Sparver gli avversi troni; e del tuo spiro
Che percorrea de’ novi abissi il seno,
La possa irresistibile sentiro
44Adria e Tirreno.

Itali fummo. Ed esultavi allato
Del Re più degno in Campidoglio atteso,
Quando cadevi, e dell’Italia il fato
48Parve sospeso.

Ansio cadevi dell’Olimpo al piede,
Indomato Titano. Orfana ancora
Sull’orma tua, cui pari altra non vede,
52Italia plora.

Ode di pugne inauspicate il foro
Risonar tempestoso; ed ella intanto
A’ suoi mali non trova altro ristoro
56Che sdegno e pianto.

Dell’indugio si sdegna e de’ consigli
Con gioco assiduo sul fiorir recisi;
D’altre barriere, che di monti, i figli
60Piange divisi.

O nata a non perir, stirpe fatale!
O risorgente dalle tue ruine
Popolo, che ricigni or l’immortale
64Infula al crine;
[p. 182 modifica]


De’ secoli più grande e de’ tuoi guai,
Se come in altro dì non ti è concesso
Reggere il mondo, mostra almen che sai
68Regger te stesso.

Martedi 9 Gennaio alle 17:36 da kairos
In Diamanti con Variati fa fare una figuraccia al min. Dario Franceschini: l'Anac di Cantone accende i fari su Giovanni Villa, GdV prende lucciole per lanterne e Valmarana mente...

Venerdi 8 Dicembre 2017 alle 06:57 da kairos
In Porta Santa Croce: un edificio copre l'unico reperto medievale di Vicenza e il torrione è ancora inagibile. E le altre opere incompiute?
Gli altri siti del nostro network